Questo sito richiede di avere JavaScript abilitato.
We love social networks! join with us!

2/12 Auditorium di Porcari, ore 21Barokthegreat / FidippideCompagnia Giovanna Velardi / Alice’s RoomFidippidedi Barokthegreat danza e coreografia Sonia Brunellimusica live Leila Gharibosservazione alla coreografia Marco Villariabiti Biscuit And Ball fonica Martina Zanetti in collaborazione con Santarcangelo dei Teatri diffusione DADAprod“Fidippide è lontano, appoggiato teneramente allo spazio umido, foderato di velluto, del nostro immaginario collettivo. Il topos del guerriero attico, testimone della cruenta battaglia a Maratona, che fattosi messo trattenne nella corsa la novella della vittoria, per esalarla nel suo ultimo gesto. Quando con Barokthegreat abbiamo pensato questo titolo è intervenuto a un certo momento il termine “succhiello”, uno strumento dell’artigianato medievale, che serve a praticare fori nel legno. Ecco come ci siamo mossi: non si affastellano immagini suggestive in questo lavoro, non c’è nulla di visionario, ma un movimento paziente e spossante che ruotando su un punto preciso lo sfibra,fino a determinare un foro, principio di ogni visione”. (Marco Villari)Compagnia Giovanna Velardi / Alice’s RoomCoreografia: Giovanna VelardiInterpreti versione duo: Alice Zanoni, Giovanna Velardi,Disegno: Luci: Danila BlasiCostumi: Dora ArgentoMusiche: AAVVPrendendo spunto da “Alice nel paese delle meraviglie” di L. Carroll, si indaga il contrasto tra il “potere” che si manifesta nell’oggi, incarnato da una regina, simbolo della borgesia desautorata ed una genuinità che è l’aprirsi alle molte possibilità di un mondo fantastico.Alice sognante deve uscire dalla sua stanza per dare senso alla sua identità, si deve aprire al mondo interagendo con esso, attraverso l’ironia e la risoluzione del conflitto con la regina, che rappresenta la regola, il super io, risolvendo tale conflitto si apre ad un mondo reale.La suddivisione di uno spazio tramite una rete metallica, la stanza di Alice, lo spazio della regina, in avant scene, che da il comando, due specchi a significare lo sguardo di un individuo sull’altro, la sottomissione, la sfera identitaria. Un contrasto tra potere e potenza, una scena polarizzata da due simboli, norma e pratica di una relazione che è un possibile approccio con il mondo.SPAM! Rete per le arti contemporanee è un progetto ALDES in collaborazione con DA.TO./Danza in Toscana – spazio per le arti performative contemporanee.

Il post è stato scritto da " Lucca e le sue Terre " archiviato in " Senza categoria ".